› Home

 › Offerte

 › Galleria Foto

 › Link Utili

 › Info/Prenotazioni

 › Contatti


 › Libri consigliati


 › EVENTI

    SECONDA EDIZIONE TEATRO FESTIVAL

 › CUSTONACI

    Cenni Storici

    Arte e Fede

    Tradizioni

    Il Paesaggio

 › TURISMO

    Itinerari turistici

    Archeologia

    Produzioni tipiche

 › ESCURSIONI

    Escursioni R.N.O. di Monte Cofano

    Esursioni Isole Egadi

    Escursioni Saline Trapani

    Escursioni di Giovanni Virzì

 › I COMUNI DELL'AGRO ERICINO


 

Il Quadro

Il quadro miracoloso della Madonna di Custonaci, patrona della città omonima e dell’agro-ericino, risale probabilmente al 1471 o al 1521 e, si presume possa appartenere alla scuola di Antonello Da Messina.
Si tratta di una tavola in pioppo raffigurante una Madonna che allatta il bambino, per questo è anche chiamata “Madonna del Latte”.
Il restauro del 2004 ha riportato in luce l’originale immagine del quadro, storicamente rimaneggiato nel 1780, mostrando una madonna più bambina, un volto semplice e pulito, il cui manto è arricchito da anfore con fiori e spighe di frumento, mentre una coppia di angeli colorati e molto leggeri, sovrasta la figura incoronandola.
Sotto l’immagine della Madonna, in basso, vengono raffigurate tre scene di San Gioacchino e Sant’Anna, genitori della Vergine Maria.


LA LEGGENDA
Secondo la tradizione, alcuni marinai salpati da Alessandria d’Egitto e diretti in Francia, a seguito di un violento naufragio, invocarono la quiete alla Madonna. Una volta salvi, donarono una tavola raffigurante la Madonna che allatta il bambin Gesù ai pescatori di cala Bukuto (nel litorale dell’attuale frazione di Cornino).
Per difendersi dai pirati del tempo, i pescatori portarono il quadro al sicuro, nella già esistente cappella dedicata all’Immacolata.

IL CULTO DELLA VENERE ERICINA E LA DEVOZIONE A MARIA SANTISSIMA DI CUSTONACI
La devozione e la venerazione alla Madonna di Custonaci, fu certamente incoraggiata e voluta dal clero ericino, in alternativa alla divinità pagana della venere ericina.
I riti sacrificali in onore della dea pagana venivano celebrati e gestiti dalle sacerdotesse (jerodulai) nel santuario del tempio, per propiziare i suoi favori in vista di guerre e per attingere fecondità, fertilità e successo.
I pellegrini giungevano al monte San Giuliano in agosto e si univano alla dea tramite dei riti sessuali con le sacerdotesse.
Con l’arrivo a Custonaci della Madonna dal mare, si avvertì l’esigenza di diffondere il culto cristiano nei territori dell’agro-ericino, così nel 1574 Maria SS. di Custonaci veniva eletta patrona di Monte San Giuliano.

I TRASPORTI
La devozione verso la Madonna di Custonaci sostituì il culto pagano della venere ericina, e da allora si sviluppò e diffuse una venerazione sempre più profonda che coinvolse tutto il territorio dell’agro-ericino.
Dal 1577 al 1936, il quadro veniva portato in processione da Custonaci al monte Erice in occasione di calamità importanti, come siccità, terremoti, pestilenze o invasioni di cavallette.
La storia enumera 71 trasporti, terminati a causa di un grave danneggiamento al quadro, che portò la Soprintendenza delle belle arti di Roma, nel 1936, a dichiarare il quadro “inamovibile” dal santuario.
Durante il trasporto da Custonaci a Erice, la sacra immagine veniva portata per un tratto, e cioè da santuario fino all’Arco del Cavaliere, sulle spalle dei custonacesi, per l’altra metà del tragitto erano gli ericini che prendevano possesso del quadro conducendolo sempre a spalla verso la vetta.
Prima della processione trionfale verso la matrice di Erice, la Madonna sostava presso la chiesa della Grazia appena fuori le mura della città del monte.
A volte, il quadro rimaneva ad Erice più del dovuto creando così diversi scontri tra custonacesi ed ericini; contrasti che terminarono con la fine dei trasporti.
I festeggiamenti in onore della Madonna di Custonaci sono celebrati e hanno epilogo nell’ultimo mercoledì di agosto di ogni anno.
Il culto della Madonna di Custonaci è molto sentito in tutto l’agro-ericino e non solo; festeggiamenti e processioni in onore della vergine sono riscontrabili ad Erice, San Vito lo Capo, Favignana, Trapani, in Tunisia, in Argentina e negli U.S.A.




VENERDÌ 25 APRILE 2014
NickName:  Marianna La Mallfa  da  piazza Armerina
Martedì pomeriggio, mi sono recata con una visita guidata con studenti del liceo linguistico e pedagogico di Piazza Armerina ad Erice . Un ragazzo mi aveva regalato una rosa gialla ed io ho pensato di donarla in una qualsiasi chiesa. Per caso ci siamo fermati davanti al santuario, ho chiesto il permesso di entrare solo per un attimo per donare la rosa,con mia grande sorpresa mi sono trovata davanti all'altare della madonna,onorata sotto il titolo di Custonaci.Non conoscevo la Sua storia.


Cookie Policy    Privacy Policy


Associazione Turistica Proloco Custonaci 2019 Copyright
Site built and designed by Giovanni Giliberti
Powered by the Giovanni Giliberti Content Management System - All rights reserved.



  • Woolrich Collezione 2014
  • Spaccio Woolrich Venezia
  • Woolrich Piumini Donna
  • Woolrich Punti Vendita Milano
  • Woolrich Donna Parka
  • Giacconi Uomo Woolrich
  • Woolrich Parka Colori
  • Blizzard Jacket Woolrich
  • Outlet Woolrich Cadriano
  • Woolrich-outlet Recensioni
  • Infradito Gucci
  • Gucci Venezia
  • Gucci On Line Shop
  • Cinture Gucci Outlet
  • Gucci Donna
  • Contatti Gucci
  • Borsa Gucci Usata
  • Gucci Borse Outlet Firenze
  • Profumo Gucci Flora Prezzo
  • Flora By Gucci
  • Hogan 38
  • Prezzi Scarpe Hogan
  • Hogan Collezione Primavera 2014
  • Scarponcini Hogan
  • Hogan Rebel Prezzo
  • Hogan Estive 2014
  • Outlet Vertemate Hogan
  • Outlet Marche Hogan
  • Hogan Negozi Online
  • Hogan Collezione Inverno 2014